Image

Regali solidali e di recupero made in carcere

1 Giugno 2020

Articolo pubblicato sul numero di novembre 2019 di Shop in the City

C’è una via per fare regali solidali, ecosostenibili e alimentare il recupero più importante, quello umano. Ed è una via che passa per alcune carceri italiane. Venezia, Forlì, Lecce e l’esperienza di Freedhome Torino dimostrano che “si può fare”: con rigore e serietà si può coniugare l’economia circolare con la riabilitazione professionale e il recupero di detenute e dei detenuti.


Il primo esempio è veneziano e prende il nome da una strada di Venezia: Rio Terà dei Pensieri, cooperativa sociale nata nel 1994 per promuovere attività di formazione e lavoro all’interno delle carceri della città, ha lanciato negli anni due diverse iniziative. Malefatte è il marchio delle borse, degli zaini e degli accessori realizzati con pvc riciclato all’interno del laboratorio, attivo dal 2009 e gestito dalla Cooperativa, che coinvolge detenuti del carcere maschile di Santa Maria Maggiore di Venezia per offrire loro un percorso formativo. Sono prodotte artigianalmente da teloni di camion o banner pubblicitari dismessi, che racchiudono in sé pezzi di mostre, eventi, manifestazioni della città: shopping bag, zaini, borse a tracolla, portafogli, pochette, astucci, portadocumenti, che si possono acquistare nel negozio Process Collettivo della cooperativa stessa, nello shop online o presso i rivenditori sul sito.

Il laboratorio di cosmetica naturale Rio Tera’ dei Pensieri è attivo dal 2001 all’interno del carcere femminile della Giudecca di Venezia, dove si realizzano artigianalmente prodotti di alta qualità, ispirati all’antica tradizione degli speziali veneziani e arricchiti da estratti naturali provenienti direttamente dall’orto del carcere. Quattro le linee di prodotti (naturale, tradizionale, biologica certificata Icea e per alberghi): shampoo, saponette, saponi, profumatori d’ambiente, deodoranti, gel doccia, creme, prodotti per bambini e una completa gamma di prodotti di cortesia, acquistabili nello store Process Collettivo o presso i rivenditori in Italia.

A Forlì troviamo Formula Solidale, cooperativa di Forlì nata da due storiche realtà della cooperazione sociale locale, Gulliver e CSIPM. Il riciclo e il recupero sono la chiave di molte attività e progetti: Fo.Riu 4U, Centro del Riuso del comune di Forlimpopoli, è un luogo che raccoglie oggetti in buono stato conferiti dai cittadini e li rende gratuitamente disponibili per altri cittadini. Il progetto interregionale RAEE in carcere, di cui Formula Solidale è partner, prevede laboratori in cui i detenuti si occupano del trattamento-smontaggio dei RAEE provenienti da isole ecologiche, per il recupero e valorizzazione: con il RAEE recuperato sono realizzati piccoli monili e opere d’arte per promuovere la cultura del riciclo e del riuso.

SOS-tenibile, infine, è invece il laboratorio che coinvolge ragazze e donne in difficoltà e detenzione, e realizza capi e accessori a partire da materiale di scarto di aziende del territorio: tessuti, tappezzeria, teloneria, plastiche, pellame.

Made in carcere è il marchio, nato nel 2007 grazie a Luciana Delle Donne, fondatrice di Officina Creativa, di borse e accessori realizzati da venti detenute all’interno della casa circondariale Borgo San Nicola di Lecce. Materiali e tessuti di scarto provengono da aziende italiane particolarmente sensibili alle tematiche ambientali e sociali. Tra i prodotti Made in carcere si trovano borse, accessori, grembiuli e tovagliette, custodie porta pc e ipad, braccialetti, scaldacollo, ma anche sacchi di juta per fare l’orto verticale e molto molto altro.

Freedhome, a Torino, in via Milano 2, è invece uno store in una grande città: un luogo dove le eccellenze dell’economia carceraria trovano il proprio spazio. Nato nel 2016 offre un’ampia gamma di specialità enogastronomiche realizzate dai detenuti che lavorano in imprese sociali di tutta Italia: dai biscotti ai taralli, passando per cioccolato, mandorle e altre delizie. Ma si trova anche artigianato e design, spesso realizzati grazie al recupero di tessuti e altri materiali.

Condividi articolo

Gli ultimi articoli

Image

Che cos’è un abito?

Riflessioni filosofico – pratiche per raccontare l’avvio del progetto Attacca Bottone Che cosa è un abito? Un manufatto che ci copre dal freddo e dal […]

By Nadia Lambiase
Image

L’economia circolare salverà il pianeta?

Articolo pubblicato su Futura News il 22 aprile 2023 in occasione della Giornata della Terra “Abbiamo iniziato ad utilizzare più Terra di quanta ne possediamo”. […]

By Mercato Circolare
Image

Continua l’avventura in Senegal

Un anno dopo, rieccoci in Senegal. Nei primi giorni di marzo Nadia e Carlotta di Mercato Circolare si sono recate a Thiés nell’ambito del progetto […]

By Carlotta Cicconetti