Image

Dall’economia della ciambella all’economia del tarallo

30 Marzo 2024

Piccolo taccuino di viaggio – Bari 24 e 25 marzo 2024

Domenica 24 marzo, ore 14
E’ una giornata stupenda: sole luminoso e vento fanno risaltare ancora di più il bianco della pietre, che ci circonda tutto attorno. Siamo sedute in una trattoria nel centro storico di Bari, e Rosa Ferro ci racconta la sua storia e quella della cooperativa sociale che ha fondato.
Quando aveva 20 anni Rosa pensava di diventare giornalista, invece la vita l’ha portata a occuparsi di cultura, sociale e marginalità, per la sua città e non solo. A metà degli anni ‘80 ha fondato la cooperativa Fantarca, che nel 1999 diventa Il nuovo Fantarca, e da allora è diventata la sua seconda casa. La cooperativa opera per la promozione dei diritti umani, della nonviolenza, della giustizia sociale e dello sviluppo della persona attraverso percorsi culturali di media education, media literacy e l’uso sperimentale delle nuove tecnologie. Fa del cinema per bambini e bambine, ragazzi e ragazze la sua attività principale.
Una delle tante iniziative che portano avanti si chiama Cinema in Ospedale, progetto innovativo e sperimentale nato nel 2021 nell’ambito del progetto europeo Film in Hospital con l’obiettivo di promuovere il cinema europeo di qualità presso bambini, bambine e adolescenti degenti o in cura domiciliare, assistiti dagli ospedali pediatrici europei. La cooperativa non si limita a rendere il cinema accessibile tramite piattaforme ma entra fisicamente negli ospedali, l’unica tra gli 8 partners di 8 paesi diversi (Italia, Belgio, Svezia, Spagna, Slovenia, Croazia, Grecia e Germania).
Tra le altre cose, insieme al Centro di documentazione per la legalità e la nonviolenza Antonino Caponnetto, Il nuovo Fantarca ha dato vita al Festival Una nuova storia, giunto quest’anno alla quinta edizione dedicata a temi irrinunciabili in questo momento storico come l’ambiente, la sostenibilità, la giustizia ed equità sociale, l’immigrazione, la crisi climatica, le guerre, la necessità di costruire una cultura della pace e della nonviolenza.
Ed è proprio in questo contesto che Eleonora ed io siamo state invitate a parlare del libro L’economia della ciambella spiegata alle bambine e ai bambini.
Maria Rosaria, collaboratrice di Rosa lo ha incontrato in una libreria e si è incuriosita, lo ha letto e insieme lo hanno scelto come libro da proporre alle scuole elementari di Bari.
E così ci hanno invitate a incontrare le classi che hanno letto il libro.

Lunedì 25 marzo, ore 13.30
Abbiamo appena finito un fantastico e interminabile firma copie anomalo: invece di firmare i libri, bambine e bambini chi hanno chiesto l’autografo sulle cartoline che abbiamo dato loro per fare l’attività del laboratorio.
Siamo in periferia, vicino alla tangenziale, in un posto pieno di verde e giardini pubblici in fiore. L’istituto comprensivo Loi-Santomauro si distingue già da lontano: un enorme blocco di cemento. Ma se tanto grigio e anonimo appare da fuori, un’energia colorata e vitale abita la scuola, le classi e le insegnati che sono all’interno.
Un’energia che ci ha pervase non appena siamo entrate nell’Auditorium dove ci attendeva un tripudio di cartelloni dedicati al nostro libro e realizzati dalle due terze e quattro quarte che lo hanno letto. Ci siamo commosse nel vedere i disegni di tante Ada e tanti Gino e dei diversi omini e omine che i due protagonisti incontrano nel loro viaggio, per non parlare dei cartelloni e disegni con cui bambine e bambini ci hanno raccontato cosa rende loro felici: giocare con mia sorella perché la vedo ridere; stare con i miei cani, perché anche a loro piace stare con me; passare del tempo con i nonni; guardare Capitan Mutanda, perché mi fa ridere; mangiare; correre nella natura; quando sono allo stadio con mio papà e mio cugino a vedere il Bari.
In aggiunta ai cartelloni appesi, le bambine e i bambini ci hanno anche regalato a loro volta un libro con tutti i loro disegni e impressioni sul libro:
“Mi è piaciuto molto questo libro perché parla di un argomento da adulti: L’ECONOMIA, spiegandola con un linguaggio comprensibile a noi bambini” (Mattia 4a)
“…mi è piaciuto in particolare il modo che aveva di scrivere la bambina. Mi sono piaciuti moltissimo i disegni. Mentre lo leggevo ho immaginato un sacco di case: la bellezza dell’avventura; l’entusiasmo della bambina….” (Beatrice 4a)
Insomma, questa mattina la lezione l’hanno tenuta le bambine e i bambini a noi!
A dialogare con noi e le classi era presente anche Mattia Schepisi, un attivista di Fridays for Future Bari, anche lui travolto dal firma copie finale.

Condividi articolo

Gli ultimi articoli

Image

10 idee regalo per un Natale circolare

Quando si sceglie di fare (o farsi) un regalo, è importante farlo consapevolmente, prestando attenzione all’impatto c’è dietro ad ogni prodotto, alla sua storia, al […]

By Mercato Circolare
Image

Il progetto in Senegal cresce: aumentano le realtà censite e le zone di intervento

Di nuovo in Senegal. Da lunedì 27 novembre a mercoledì 6 dicembre 2023 ci siamo tornati per la quarta vota. La nostra presenza in Senegal […]

By Nadia Lambiase
Image

Comunità energetiche rinnovabili: che cosa sono e la sperimentazione torinese

Di cosa parliamo quando parliamo di comunità energetiche rinnovabili? Una comunità energetica rinnovabile (CER) è un insieme di soggetti – possono essere persone fisiche, ma […]

By Carlotta Cicconetti